Area Riservata

Benvenuto, Ospite
Per favore Accedi o Registrati.    Password dimenticata?

Pinna nobilis, moria nel Mediterraneo
(1 Online) (1) Ospite
Vai a fine paginaPagina: 1
ARGOMENTO: Pinna nobilis, moria nel Mediterraneo
#77912
Pinna nobilis, moria nel Mediterraneo 5 Anni, 10 Mesi fa  
Nella pausa dal lavoro della mia compagna Agnese, ci incontriamo in una spiaggetta nel golfo di Cugnana per un <bagnetto>.
Io mi metto la maschera e faccio il <guardone>!
E' lì che conto le oratelle di pochi grammi e gli innumerevoli fasciati che popoleranno il mare del futuro.
A differenza degli altri anni alcune nacchere non sono piantate in verticale nella sabbia tra i ciuffi di posidonia, ma sono adagiate.
Dentro non trovo il mollusco e il guscio è vuoto!
All'interno di una nacchera, addirittura, trovo una oluturia che non sarebbe passata comunque attraverso l'apertura a valve allargate, evidentemente è entrata quando era di piccola taglia ed è ingrossata all'interno della nacchera.
Il fenomeno della moria perciò deve essere datato.

Oggi dopo la pescata, cappuccino e brioche, leggo che un protozoo portato dalle correnti attacca la Pinna nobilis fino a uccidere il mollusco.
Nei mari spagnoli la moria è in atto da qualche anno e non si è trovato nessun rimedio.

Credo poco che questo protozoo sia un killer moderno perché in profondità le nacchere sono ancora in buona salute e stanno morendo solo quelle nel basso fondo. L'alta temperatura dell'acqua a pochi metri dalla battigia, a mio avviso, favorisce il diffondersi di questo protozoo parassita (così l'hanno chiamato i biologi). Nello stesso spot s'incontrano una miriade di gusci vuoti delle ostriche che una volta incrostavano i rari scogli, quindi anche loro sono soggette allo stesso attacco ...
Giodap
Giorgio Dapiran
Administrator
Messaggi: 10060
graph
Utente Offline Premere per visualizzare il Profilo di questo Utente
Ultima modifica: 24/07/2018 12:16 Da Giodap.


Funzione psicologica della caccia subacquea

Occupare il proprio tempo libero nel procurarsi il cibo riavvicina l’uomo alle occupazioni esistenziali primitive che hanno determinato lo sviluppo della sua psiche.
E’ un momento di ri-appropriazione delle funzioni esistenziali primarie, di superamento dell’alienazione che caratterizza le moderne popolazioni urbanizzate
L'Amministratore ha disattivato l'accesso in scrittura al pubblico.
 
Vai a inizio paginaPagina: 1