Area Riservata

Benvenuto, Ospite
Per favore Accedi o Registrati.    Password dimenticata?

il saber 90
(3 Online) rosario, Valeventu, (1) Ospite
Vai a fine paginaPagina: 12
ARGOMENTO: il saber 90
#64495
Re: il saber 90 8 Anni, 5 Mesi fa  
Una corvina davvero d'altri tempi ... e, almeno per me, mai visti!

Le iniziali padelle potevano anche esser dovute magari alla taratura inconscia precedente su elastici usurati immagino un po' più fiacchi di quelli nuovi...una volta che quelli nuovi si sono smollati un pelo piuttosto che ti sei ritarato sulla nuova potenza ritrovata, è tornata la precisione.

Giovanni perdona l'OT:
Quando compriamo una muta liscia spaccata (quella più critica) nuova all'inizio è sempre caldissima e morbidissima, ma proprio quest'ultima caratteristica è a doppio taglio. A parer mio una muta di qualità, con il giusto materiale, il taglio corretto e gli incollaggi fatti a dovere si vede solo a distanza di qualche tempo. Per chi ha la sfortuna di poter andare poco a mare sono necessari magari anche 2 o 3 anni, mentre gli abita sul mare già dopo un anno di utilizzo intenso può rendersi realmente conto se l'euforia iniziale è suffragata dalla prova dei fatti nel medio periodo. Qualcosa è nascosto agli ospiti. Effettua il login o registrati per vederlo. Cmq sul mimetismo sono d'accordo, trovare mutai con mimetismi interessanti è complicato...alla fine me la tengo nera come Diabolik o se preferite Cattivik!

underwater_
Mega Saber
Messaggi: 1572
graphgraph
Utente Offline Premere per visualizzare il Profilo di questo Utente
Per mar non ci son taverne
Braccia rubate alla pesca subacquea!
Affetto da male dell'oca cronico
Del senno di poi ... son vuoti i cavetti!
Meno pippe mentali e più pesca reale!
L'Amministratore ha disattivato l'accesso in scrittura al pubblico.
 
#64508
Re: il saber 90 8 Anni, 5 Mesi fa  
Maestro sarebbe cosi gentile da approfondire l'argomento muta mimetica o magari darci qualche spunto sul come mimetizzarla, sui vecchi post e anche su vari articoli ha gia trattato questo argomento ma sarebbe interessante riprenderlo in esame.
fabior
Saber 100
Messaggi: 268
graphgraph
Utente Offline Premere per visualizzare il Profilo di questo Utente
Medijedi
L'Amministratore ha disattivato l'accesso in scrittura al pubblico.
 
#64510
Re: il saber 90 8 Anni, 5 Mesi fa  
Partiamo da qui:

MIMETISMO COMPORTAMENTO E VISIONE

Il diffuso impiego di un mantello mimetico nelle specie ittiche è da interpretare come una soluzione anatomica sofisticata nella lotta per la sopravvivenza .
Nelle strategie predatorie e difensive, nascondersi alla vista della rispettiva preda o del predatore, offre una probabilità maggiore di sopravvivere, giungere all’età della riproduzione e trasmettere i propri caratteri genetici ai discendenti, che sembra essere il fine ultimo della vita sul nostro pianeta.
Prede e predatori hanno seguito strade parallele per sfuggire al reciproco controllo visivo e, nel mare più che nella terra ferma, le soluzioni si dimostrano di una varietà incredibile, perché la vita sottomarina è la più antica in assoluto (almeno per gli esseri superiori) ed ha avuto più tempo per differenziarsi nella variabilità specifica di ogni singola specie.

Ogni animale è stato selezionato naturalmente per assumere un particolare tipo di mimetismo:

Mimetismo criptico: Alcune specie hanno sviluppato forma o colore del mantello per assomigliare al substrato o a particolari tipi di fondale, in alcuni casi anche ad altri esseri viventi come un’alga o un altro animale (ad esempio un animale velenoso)
Mimetismo sgargiante: I nudibranchi , ma anche altre specie hanno un mantello sgargiante per informare possibili predatori sulla tossicità del loro corpo.
Mimetismo passivo: Molti organismi planctonici, come larve e meduse sono trasparenti per confondersi in tutti gli ambienti nei quali si trovano ad essere spinti dalle correnti.
Mimetismo attivo: E’ il caso di molti pesci come la sogliola o la tracina che assumono un mantello che riproduce fedelmente il fondo sul quale sono appoggiati o dei celenterati come il polpo la seppia o il calamaro che riescono a controllare delle cellule apposite per riprodurre fedelmente sia il colore che le forme delle macchie del substrato sul quale si appoggiano.


Voglio interpretare, come vedono i pesci, utilizzando oltre alle attuali conoscenze anatomiche /fisiologiche sull’occhio ed il cervello, le osservazioni sul loro comportamento nelle numerosissime situazioni nelle quali mi sono trovato a studiare le loro reazioni, principalmente, di fronte alle mie aggressioni, ma successivamente, anche in altri momenti della loro vita.
Un punto di vista inedito, forse non corretto scientificamente, che porta per deduzione al modo di vedere dei pesci , in parte, contrastante con alcune teorie al riguardo.
“ Negli organismi semplici i segnali provenienti dagli occhi inducono in modo totalmente immediato il comportamento conseguente…Possiamo dire che gli organismi primitivi sono pressoché interamente controllati -tiranneggiati- dagli stimoli e dai riflessi.” (Gregory “Occhio e cervello”)

Molti ricercatori sostengono che i pesci appartengano alla categoria degli organismi semplici e che la loro visione sia governata da riflessi condizionati, non da una elaborazione cerebrale complessa come nell’uomo o in generale come nei vertebrati superiori. E’ opinione diffusa che la loro visione si fermi ad una elaborazione a livello della retina dalla quale si innesca automaticamente il riflesso motorio più opportuno.
Osservando il comportamento selvatico, questa teoria non appare sempre vera: di fronte al pericolo si attiva un processo visivo che comporta reazioni immediate, ma in altre condizioni la visione pare procedere lentamente seguendo un processo laborioso sicuramente cerebrale.
Giodap
Giorgio Dapiran
Administrator
Messaggi: 9749
graph
Utente Offline Premere per visualizzare il Profilo di questo Utente


Funzione psicologica della caccia subacquea

Occupare il proprio tempo libero nel procurarsi il cibo riavvicina l’uomo alle occupazioni esistenziali primitive che hanno determinato lo sviluppo della sua psiche.
E’ un momento di ri-appropriazione delle funzioni esistenziali primarie, di superamento dell’alienazione che caratterizza le moderne popolazioni urbanizzate
L'Amministratore ha disattivato l'accesso in scrittura al pubblico.
 
#64514
Re: il saber 90 8 Anni, 5 Mesi fa  
Grazie a tutti per i complimenti e grazie al Maestro per le delucidazioni sul mimetismo.
Devo dire, che sulla mia precedente giacca liscio/spaccato, avevo effettuato il mimetismo a chiazze larghe, come quello del Maestro visualizzato nei suoi video.
Avevo poi, una giacca foderata, dal mimetismo sul verdolino...ho avuto l'impressione che spaventasse di più i pesci, rispetto ad una giacca di colore nero.
Nel caso della muta della foto, invece, non mi andava di prenderla nera e poi mimetizzare la fodera...come ho scritto tempo fa, sono diventato pigro...ho voluto provare però il mimetismo marrone.
Al momento, solo con una pescata, non posso esprimermi sull'efficacia o meno...anche se il Maestro ha già detto la sua.
Saluti a tutti.
giodicos
Super Jedi
Messaggi: 348
graphgraph
Utente Offline Premere per visualizzare il Profilo di questo Utente
Ultima modifica: 27/06/2014 20:03 Da giodicos.
Giovanni Di Costanzo

Ecco i miei gioielli:

Saber 110 n. 80
Saber 90 n. 13
L'Amministratore ha disattivato l'accesso in scrittura al pubblico.
 
#64516
Re: il saber 90 8 Anni, 5 Mesi fa  
grazie della lezione e della tempestivita'!!
fabior
Saber 100
Messaggi: 268
graphgraph
Utente Offline Premere per visualizzare il Profilo di questo Utente
Medijedi
L'Amministratore ha disattivato l'accesso in scrittura al pubblico.
 
#64521
Re: il saber 90 8 Anni, 5 Mesi fa  
underwater_ ha scritto:
Una corvina davvero d'altri tempi ... e, almeno per me, mai visti!

Le iniziali padelle potevano anche esser dovute magari alla taratura inconscia precedente su elastici usurati immagino un po' più fiacchi di quelli nuovi...una volta che quelli nuovi si sono smollati un pelo piuttosto che ti sei ritarato sulla nuova potenza ritrovata, è tornata la precisione.

Giovanni perdona l'OT:
Quando compriamo una muta liscia spaccata (quella più critica) nuova all'inizio è sempre caldissima e morbidissima, ma proprio quest'ultima caratteristica è a doppio taglio. A parer mio una muta di qualità, con il giusto materiale, il taglio corretto e gli incollaggi fatti a dovere si vede solo a distanza di qualche tempo. Per chi ha la sfortuna di poter andare poco a mare sono necessari magari anche 2 o 3 anni, mentre gli abita sul mare già dopo un anno di utilizzo intenso può rendersi realmente conto se l'euforia iniziale è suffragata dalla prova dei fatti nel medio periodo. Qualcosa è nascosto agli ospiti. Effettua il login o registrati per vederlo. Cmq sul mimetismo sono d'accordo, trovare mutai con mimetismi interessanti è complicato...alla fine me la tengo nera come Diabolik o se preferite Cattivik!



Infatti io ho parlato di nuovo materiale, non del vecchio come probabilmente le tue giacche sono, leggi bene, poi ognuno ha le sue esperienze negative o positive, lungi da me di voler affermare un qualcosa se prima non ho testato l'efficienza, che uso topsub sono più di 10 anni, so di cosa stai parlando, probabilmente le tue sono in heiwa, molto morbido molto caldo ma anche molto delicato soggetto a idrocarburi, saponi aggressivi e alte temperature tipo doccia bollente...si strappavano molto facilmente...
Purtroppo le mute stando ferme si consumano e si induriscono, perdendo l'elasticità e tengono meno caldo...
Le mie sono in neoprene giapponese antistrappo SH3 liscio all'esterno e spaccato (microporoso) all'interno, per ora molto resistenti e calde
Io che mi immergo 2 0 3 volte la settimana tutto l'anno più di due anni non ci faccio, potrei anche farne di più ma la muta è arrivata a discapito di prendere del gran freddo...
Silvano di topsub è un amico e ci tengo a precisare che non ho nessun legame economico con lui, che tutto il materiale che ho lo ho sempre pagato, non faccio gare di alcun tipo e metto il suo logo nei miei video solo per amicizia.
submaro
Mega Saber
Messaggi: 1195
graphgraph
Utente Offline Premere per visualizzare il Profilo di questo Utente
- Saber 80 nr.29 -
L'Amministratore ha disattivato l'accesso in scrittura al pubblico.
 
Vai a inizio paginaPagina: 12
Moderatori: Giospyren