Area Riservata

Benvenuto, Ospite
Per favore Accedi o Registrati.    Password dimenticata?

Dopo numerose padelle ...
(2 Online) Alfredo90, (1) Ospite
Vai a fine paginaPagina: 1
ARGOMENTO: Dopo numerose padelle ...
#79051
Dopo numerose padelle ... 3 Anni, 6 Mesi fa  
Salve a tutti scrivo queste mie personali osservazioni per poter avere da tutti voi riscontri e poter interpretare meglio con la vostra esperienza le mie conclusioni.Pesco da quasi 2 anni con il mio Medijedi mono foro , mi era stato venduto con asta originale Dapiran 140x7 e elastici da 17,5 Primeline , per me da subito è sembrata una configurazione eccessiva per il mio modo di pescare e dopo aver provato varie configurazioni mi ero fermato alla configurazione asta 130x6,5 con elastici da 16 tagliati a fattore 300% , elastici di color lattice (ambrati) non so dirvi il nome ma erano molto progressivi!Con qusta configurazione non sbagliavo un colpo e non ero mai indeciso nel dover premere il grilletto ! Da settembre 2018 ho iniziato a mettermi in testa di voler provare l'asta 120x7 con gancetto Dapiran da lì a poco contattero Il maestro e oltre l'asta ci mettemmo d'accordo su altri lavori da fare al fucile.A lavori eseguiti ritirai il fucile e oltre l'asta da 120x7 dal maestro presi anche degli elastici da 16 Sigal misurati e tagliati da lui a fattore 300%, montai tutto e il giorno dopo entrai in mare per provare la nuova "belva" , mi accorsi subito del incremento di potenza e gittata ed ero veramente soddisfatto, ora mancavano solo le prede per provare effettivamente il fucile , non tardarono ! Il primo giorno presi un cefalo da 1kg ma ne padellai altri 2 !!! Da quel giorno per quasi 2 mesi mi sono immerso con costanza quasi ogni giorno ( mare permettendo)testando questo assetto che per la mia persona non si è rivelato per niente fruttuoso, infatti se in una Pescata dove riuscivo ad avvicinare 10 prede riuscivo ad andare a segno solo 2/3 volte creando in me enorme frustrazione e insicurezza!!Così, pensando e ripensando cercando di trovare una soluzione al mio problema ho pensato di "depotenziare l'arma " , vi spiego .... Ho pensato che il fucile essendo mono foro ( e quindi non proggettato per il doppio elastico, sempre che io non mi sbagli e questo lo dirà il maestro! ) ed essendo di corporatura "fine" (anche se non mi mancano affatto le forze ,anzi !!) Io non riesca a gestire il rinculo così violento del doppio 16 con il peso dell'asta da 7 !! Così ho provato ad installare 2 elastici da 14 Primeline a fattore 2,9 giusto per iniziare a fare delle prove credendo che la Potenza fosse anche troppo sottodimensionata , Invece con mio grande stupore alla prima uscita ho fatto 4 tiri 4 centri tutti intorno ai 2m 2,5m insagolando tutto anche un mugine di 1,5kg , riaquisendo fiducia anche nei tiri d'imbracciata !! voi cosa ne pensate degli elastici da 14 ? quale configurazione usate voi su questo fucile per aguattare nel basso fondo ? Avete fatto prove simili ? Avete mai avuto il mio problema ? Vorrei srivere di più ma ora non ho tempo , continuerò in un secondo momento . Grazie in anticipo a tutti voi Buon mare !!
sindrome
Mini Mini Jedi
Messaggi: 23
graphgraph
Utente Offline Premere per visualizzare il Profilo di questo Utente
Ultima modifica: 05/02/2019 17:30 Da sindrome.
Medijedi
Saber 70-7,5
L'Amministratore ha disattivato l'accesso in scrittura al pubblico.
 
#79052
Re: Dopo numerose padelle ... 3 Anni, 6 Mesi fa  
Ciao ti scrivo la mia esperienza in merito, in realtà ero indeciso se parlarne o meno, ma visto il tuo post condivido le mie esperienze.Possiedo un saber 80/7.5 da ormai 3 anni e l' ho sempre usato in configurazione standard.Preciso, potente, è un arma micidiale e mi ha dato moltissime soddisfazioni(ci ho quasi preso un tonno di 70 kg circa).Il problema è che è molto massiccio e nell'acqua bassissima con molta schiuma,risente un po' troppo del brandeggio. Due settimane fa ho sbagliato una spigolona in acqua bassissima e molto mossa in un tiro all'imbracciata...non sono riuscito a spostare velocemente il fusto. Ho perciò deciso di sperimentare per divertimento, un allestimento light: asta da 7x110 e doppio 14.5 primeline al 330%.Con meraviglia il bilanciamento è rimasto perfetto(negativo in punta)risultando leggerissimo per i tiri all'imbracciata, ma naturalmente la potenza è diminuita. Insomma per la pesca in 20 cm d'acqua e schiuma ad insidiare cefali e spigole va benissimo, per la caccia più grossa no. Non me ne voglia il maestro per i miei esperimenti poco scientifici, sono solo prove personali e sconsiglio di imitarle in quanto solo gli allestimenti standard sono quelli che garantiscono precisione ed affidabilità.
giancarlo83
Saber 100
Messaggi: 302
graphgraph
Utente Offline Premere per visualizzare il Profilo di questo Utente
L'Amministratore ha disattivato l'accesso in scrittura al pubblico.
 
#79053
Re: Dopo numerose padelle ... 3 Anni, 6 Mesi fa  
Come dice bene Giancarlo, solo gli allestimenti standard garantiscono precisione ed affidabilità, perchè sono stati testati per lungo tempo da Giorgio che ne ha potuto verificare la configurazione migliore per far rendere al meglio il fucile.

Detto ciò ci sono poi le variabili personali che entrano in gioco, tenuto conto delle quali ognuno personalizza il proprio fucile in base alle proprie caratteristiche, ma consiglio mio, senza stravolgere completamente la configurazione iniziale, pena rischiare di non capirci più nulla, guadagnando solo in insicurezza.

Innanzitutto bisogna capire se quel fucile nascesse bilanciato per asta da 6.5 o 7.
Certo quelli doppio foro nacquero proprio per supportare meglio le aste di diametro maggiore, ma i medijedi anche monoforo supportano nativamente il doppio elastico (il foro infatti è più largo) , a differenza dei più vecchi jedi 96/106.

La configurazione standard di quel fucile però normalmente è con asta da 130, il cui diametro come detto prima è in funzione del bilanciamento con cui è nato (nulla di irreversibile, puoi cmq modificarlo applicando i classici piombini da gommista), asta più lunghe di norma agevolano il puntamento, a discapito del brandeggio (soprattutto nei tiri d'imbracciata), mentre più corte di norma hanno esattamente l'effetto contrario.

Avendo usato elastici inizialmente molto morbidi ed asta più leggera, ti sei abituato mentalmente ad un'impostazione di tiro molto più rilassata di quella che avresti dovuto tenere con asta più spessa ed elastici più esplosivi, ragione per cui poi hai avuto tante padelle.

Le contromisure che hai adottato vanno nella direzione di tornare alle "tue" origini, che per te chiaramente vanno bene.

Attenzione solo ad alcune cose:
- soprattutto in inverno elastici di piccolo diametro soffrono maggiormente il freddo, per cui se il fucile resta per lunghi periodi carico senza sparare, almeno una volta all'ora scaricalo a mano e ricaricalo (magari quando bevi)
- se la foro non inganna, dato che si vede solo un fianco dei pesci, i tiri sui cefali più grossi sono andati in pancia, parte molle ove è facile mandarli in sagola, per cui all'aumentare della distanza e della taglia del pesce, occhio se colpisci una parte più spessa.

Alla fine l'assetto dei fucili è anche in funzione del tipo di prede che ti aspetti di cacciare ed incontrare, se è principalmente pesce bianco e spesso con tiri d'imbracciata (ove non sempre si riesce a irrigidire correttamente il braccio) come dalla foto, la tua configurazione può andare bene, ma se incontri il pesce di taglia potresti correre qualche rischio in più rispetto ad una configurazione più spinta.

underwater_
Mega Saber
Messaggi: 1569
graphgraph
Utente Offline Premere per visualizzare il Profilo di questo Utente
Per mar non ci son taverne
Braccia rubate alla pesca subacquea!
Affetto da male dell'oca cronico
Del senno di poi ... son vuoti i cavetti!
Meno pippe mentali e più pesca reale!
L'Amministratore ha disattivato l'accesso in scrittura al pubblico.
 
#79054
Re: Dopo numerose padelle ... 3 Anni, 6 Mesi fa  
Rispondo prima a Sindrome che ha aperto il topic:
Il Medi Jedi mono foro è un modello datato, inizialmente, armato con asta da 130/7 ed elastici Primeline da 17.5 al 300% , in seguito è stato modificato per l'uso con l'asta da 125/7 allo scopo di migliorare il brandeggio.
Di recente la Primeline ha modificato la mescola dei suoi elastomeri rendendola più dura (rilevabile con l'apparecchio per la durezza shore), quindi dopo varie prove ho sostituito all'elastico originale (ormai cambiato) il 16/1 che solitamente consiglio e monto sui Saber al 290% di allungamento percentuale.

Non ricordo perché siamo giunti ad armare il Medi con l'asta 120/7 e un allungamento del 300%, comunque questa asta ha una massa inerziale decisamente minore della 130/7 quindi l'elastico 16/1 (corrispondente al 17.5 vecchia produzione) calcolato al 300% risulta essere eccessivamente potente!

In altri post ho evidenziato che <potenza> e <precisione> sono proprietà di un arbalète in perenne antitesi. Depotenziare il proprio fucile ad elastici quando ci si accorge di non riuscire a fare tiri precisi è una < regola aurea>.

Il de - potenziamento fine si esercita agendo sulla lunghezza del dyneema o sulle pinnette dove agganciare l'archetto. Gli interventi più importanti prevedono il cambio degli elastici (purtroppo non si possono allungare e una volta tagliati ...).

Per Giancarlo:
Gli esperimenti sono <nell'ordine delle cose> per un pescatore subacqueo (è così che sono nati i miei prodotti), è banale osservare che più piccolo è il diametro dell'elastomero, meno catene polimeriche si trovano al suo interno, poiché ad ogni fase di carico alcune si rompono: l'elastico non dura molto soprattutto ad alte percentuali di allungamento. Un pescatore può decidere come nei roller con elastici da 14 mm al 400% di cambiarli ogni qualche pescata, ma se non ha voglia di seguire l'evoluzione dell'isteresi dell'elastomero consiglio sempre un elastico di diametro maggiore, quello da 16/1 ha dato i risultati migliori di prestazioni in termini di durata.
Le considerazioni sulla <tenuta> dello sforzo nel tempo ho già scritto che anche per elastomeri di diametro maggiore dopo un'ora può verificarsi anche una riduzione del 50% del suo valore iniziale (quindi scaricare il fucile quando non serve carico è buona norma).
Stesso dicasi per l'influenza delle basse temperature sulla resa dell'elastomero.

In definitiva utilizzate pure un elastico da 14 mm sui miei fucili sapendo però a cosa andate incontro: ho dei dubbi che sulle loro gittate utili nominali possiate raggiungere buoni risultati di precisione: il tiro sarà inevitabilmente basso a meno che non aumentiate l'allungamento percentuale, perdendo in durata di esercizio e spinta sull'asta se state molto tempo senza tirare
Giodap
Giorgio Dapiran
Administrator
Messaggi: 9589
graph
Utente Offline Premere per visualizzare il Profilo di questo Utente
Ultima modifica: 07/02/2019 10:37 Da Giodap.


Funzione psicologica della caccia subacquea

Occupare il proprio tempo libero nel procurarsi il cibo riavvicina l’uomo alle occupazioni esistenziali primitive che hanno determinato lo sviluppo della sua psiche.
E’ un momento di ri-appropriazione delle funzioni esistenziali primarie, di superamento dell’alienazione che caratterizza le moderne popolazioni urbanizzate
L'Amministratore ha disattivato l'accesso in scrittura al pubblico.
 
#79074
Re: Dopo numerose padelle ... 3 Anni, 6 Mesi fa  
Ringrazio Giancarlo83 e Underwater_ per le loro considerazioni e Dott. Giorgio per le sue spiegazioni tecniche !

Rispondo al Maestro : Non ricordo perché siamo giunti ad armare il Medi con l'asta 120/7

L'asta era stata una mia idea che non avevamo discusso gli chiesi solo se potesse andare bene per insidiare principalmente pesce bianco in basso fondo tra la media del peso del pesce da 500g al pesce di 3 kg . Era stata una mia idea che non ha niente che io abbia studiato scentificamante , solo un ragionamento su peso e lunghezze , visto che pescavo con un asta da 130x6,5 che più o meno pesa 337g e volevo più rigidità e un po più di gittata massima ( senza andare a cercare le prestazioni massime che da la 125x7 o la 130x7 danno ) e ho pensato che con la 120x7 che più o meno pesa 361g avrei migliorato di un po il tiro sulle lunghe distanze in più "accorciando" l'asta l'arma sarebbe diventata più compatta un po "meno ingombrante" per riuscire a passare con più agilità in alcuni percorsi che faccio principalmente d'inverno !

Questa è solo una mia "grossolana" e personale interpretazione di tutte le sue brillanti riceche condotte che ho potuto leggere in questo forum! Infatti spero che lei con la sua grande esperienza mi dica se sto sbagliando in questo ragionamento e il perché .

In più volevo chiederle secondo lei quale era il migliore bilanciamento per il fucile ,perché dopo che aveva sostituito l'impugnatura con quella ergonomica e con l'aggiunta dell appoggio sternale più grande il fucile in acqua da carico ,se lo si lasciava galleggiare per conto suo , risultava talmente negativo in punta da rimanere con l'asta verso il fondo e l'appoggio sternale galleggiava in superfice ,così come lei mi aveva detto ho aggiunto dei piombi da gommista ,esattamente 65g ,ora il fucile rimane esattamente orizzontale e lentamente sprofonda verso il fondo . Va bene così o dovrei levare 5g per farlo risultare leggermente negativo in punta?

La ringrazio per la sua atenzione e spero di non annoiarla con le mie domande visto che sto leggendo che ha già le sue rogne dopo "l'asta tornata dal passato " e le 3 palamite mancate !!
sindrome
Mini Mini Jedi
Messaggi: 23
graphgraph
Utente Offline Premere per visualizzare il Profilo di questo Utente
Ultima modifica: 11/02/2019 09:05 Da sindrome.
Medijedi
Saber 70-7,5
L'Amministratore ha disattivato l'accesso in scrittura al pubblico.
 
Vai a inizio paginaPagina: 1
Moderatori: Giospyren