Area Riservata

Benvenuto, Ospite
Per favore Accedi o Registrati.    Password dimenticata?

Urto anelastico.
(1 Online) (1) Ospite
Vai a fine paginaPagina: 1
ARGOMENTO: Urto anelastico.
#212
Urto anelastico. 12 Anni, 11 Mesi fa  
Una considerazione del tutto teorica (o no!?).
L'asta, da qualunque arnese sia lanciata, ha una massa data (m) e quando raggiunge un pesce ha una velocita' data (v). La sua energia cinetica e' T=1/2*m*v^2, e sin qui tutti d'accordo. Consideriamo che il pesce sia grossotto, quindi l'asta rimanga incastrata nel pesce. Siamo in presenza di un urto anelastico, l'asta non rimbalza ma si "fonde" con il pesce. In questi casi si conserva l'impulso ma non l'energia cinetica, parte dell'energia cinetica viene spesa nel lavoro necessario all'asta per farsi strada nelle povere carni dell'animale. La conservazione dell'impulso si scrive m*v= (m+M)* V, dove M e' la massa del pesce (corretta se si vuole essere un po' piu' realistici aggiungendo la massa dell'acqua spostata nel movimento, indotto dall'asta, del pesce colpito; nel caso di urto tra navi si tiene conto che la massa dell'acqua spostata e' circa una volta e mezzo la massa della nave) e V e' la velocita' del "blocco" pesce asta subito dopo l'impatto. L'esempio di un urto navetta (asta) navona (pesce) con incastro di una nell'altra puo' aiutare ad immaginare quello che sto descrivendo. L'energia cinetica dopo l'urto e' quindi Tdu=1/2 (m+M)*V^2, usando la conservazione dell'impulso ricavo V=m*v/(m+M) per cui Tdu=1/2*m^2/(m+M)*v^2. La differenza tra T e Tdu e' l'energia che viene utilizzata dall'asta a penetrare il pesce, un dato a cui siamo interessati.
T-Tdu=1/2*m*v^2*M/(m+M).
Quindi il rapporto M/(m+M) indica la frazione di energia cinetica che viene trasformata in energia di penetrazione, piu' questo rapporto e' vicino ad uno (chiaramente a parita' di energia iniziale T) piu' il nostro colpo e' penetrante.
Quel rapporto e' uno (cioe' tutta l'energia cinetica viene usata per penetrare) nel caso che M sia molto maggiore di m (il limite di M "infinito"), siamo in presenza di un bersaglio fisso ma penetrabile (una grossa tanica bloccata sul fondo piena di sabbia). In questo caso l'energia di penetrazione (proporzionale come si e' visto a M/(m+M)) non dipende da m (ricordo, m = massa dell'asta), quindi a parita' di energia iniziale T le aste di massa diversa dovrebbero avere su un bersaglio fisso lo stesso effetto.
Ma se il bersaglio non ha massa "infinita" (qualche chilo di pesce contro qualche etto di asta) il rapporto M/(m+M) ci dice che contro ogni intuizione l'asta piu' "cattiva" e' quella (sempre pensando che tutte abbiano la stessa energia cinetica al momento dell'impatto) piu' leggera: M/(m1+M) e' maggiore di M/(m2+M) se m1 e' minore di m2.
Tutto questo a livello puramente astratto. Tra l'altro abbiamo ammesso di colpire il pesce nel suo baricentro per non complicare con energie di rotazione.
Commenti?
gmunu`
MediJedi n. 345
Sado Maso
Messaggi: 14
graphgraph
Utente Offline Premere per visualizzare il Profilo di questo Utente
Località: Firenze Compleanno: 04/25
L'Amministratore ha disattivato l'accesso in scrittura al pubblico.
 
#213
Re:Urto anelastico. 12 Anni, 11 Mesi fa  
La faccina non e' voluta' e' una parentesi tonda chiusa che il sistema ha interpretato.
gmunu`
MediJedi n. 345
Sado Maso
Messaggi: 14
graphgraph
Utente Offline Premere per visualizzare il Profilo di questo Utente
Località: Firenze Compleanno: 04/25
L'Amministratore ha disattivato l'accesso in scrittura al pubblico.
 
#216
Re:Urto anelastico. 12 Anni, 11 Mesi fa  
Sull'urto anelastico ti risponderò nell'area riservata (pubblicazioni).
L'argomento è di quelli che voglio tenere riservato ai clienti, perchè merita un approfondimento che non voglio condividere con chi si è costruito una cultura con i miei studi tecnici ed ora invece mi critica (chiaro segno di ingraditudine)
Giodap
Giorgio Dapiran
Administrator
Messaggi: 9589
graph
Utente Offline Premere per visualizzare il Profilo di questo Utente


Funzione psicologica della caccia subacquea

Occupare il proprio tempo libero nel procurarsi il cibo riavvicina l’uomo alle occupazioni esistenziali primitive che hanno determinato lo sviluppo della sua psiche.
E’ un momento di ri-appropriazione delle funzioni esistenziali primarie, di superamento dell’alienazione che caratterizza le moderne popolazioni urbanizzate
L'Amministratore ha disattivato l'accesso in scrittura al pubblico.
 
Vai a inizio paginaPagina: 1
Moderatori: Giospyren