Area Riservata

Benvenuto, Ospite
Per favore Accedi o Registrati.    Password dimenticata?

Imbarazzo
(1 Online) (1) Ospite
Vai a fine paginaPagina: 1
ARGOMENTO: Imbarazzo
#641
Imbarazzo 12 Anni, 8 Mesi fa  
Sono in imbarazzo!
Perché pescatori che conosco e so che mi stimano non hanno accesso al mio forum privato rivolto solo ai clienti di pinne e fucili. Sono clienti dei video, alcuni hanno partecipato ai miei corsi di pesca tenuti qualche anno fa e sono esclusi dal servizio interattivo forse più interessante che ho creato per i pescatori subacquei : poter dialogare con il pescatore subacqueo progettista mito dei nostri giorni, mettere in contatto pescatori che usano i suoi stessi prodotti.
Possono solo leggere il dibattito che si svolge tra lui e i suoi clienti e tra di loro, ma non parteciparvi!
L’imbarazzo segue la sorpresa di qualche giorno fa nello scoprire le migliaia di seguaci, di fans, su Facebook su Youtube e constatare che non sono clienti delle attrezzature più innovative che ho messo a punto con anni di esperienze, di ricerche e di studi.
Molti , moltissimi, mi stimano come pescatore subacqueo, come interprete di questa disciplina difficile e rischiosa, ma evidentemente non credono nelle mie capacità di ingegnere delle attrezzature per la pesca subacquea.
Ho postato di recente nel forum di questo sito il mio studio sul modello Rollergun ma è criptato, non vi è l’accesso pubblico, contrariamente a quanto accadeva prima con i miei studi balistici. Un’altra limitazione importante nell’accesso alla cultura tecnologica che si sta evolvendo soprattutto negli arbalétes .
Può sembrare un atteggiamento bilioso nei confronti dei pescatori subacquei che non mi premiano con l’acquisto, ma chiedo a tutti di mettersi nei miei panni oltre che nella mia muta. A un bar edicola , ieri sfogliavo un vecchio numero di una nuova rivista del nostro settore, nelle ultime pagine un sommario di tutte le attrezzature per la pesca subacquea: sparalucertole e alcune schifezze che chiamano pinne, ma nessun riferimento ai miei prodotti.
Non è una contraddizione della maggioranza delle riviste del nostro settore, è un atteggiamento generalizzato nell’informazione perché accade anche nei forum pubblici. Ho già denunciato il blocco delle informazioni su ciò che produco da parte di un “cartello” formato da grandi aziende e commercianti del settore, ma devo constatare anche che: questi “copiano”il mio lavoro quindi “loro” si tengono molto informati su ciò che creo.
Non è un'altra contraddizione? In sostanza questo “cartello” non vuole che i praticanti la pesca subacquea sappiano, siano al corrente delle innovazioni tecnologiche che nascono dalla mia esperienza e dalle mie capacità progettuali, nel contempo le seguono con molta attenzione raccogliendone anche gli scarti : il conetto protesi sulla punta dell’asta che ho introdotto qualche anno fa, e che ho dimostrato influenza negativamente la balistica dell’asta, quindi abbandonato, è proposto ora da altri produttori come una innovazione tecnologica delle aste per arbalétes!
Si è perso il ricordo di chi ha introdotto i pernetti sulle aste anziché gli intagli come soluzione alle rotture dell’asta e al sollevamento della coda dell’asta dopo il lancio, ora gli arbalétes, diciamo di prestigio, montano tutti questo tipo di aste.
Si cancella il ricordo della paternità di tante altre innovazioni che ho introdotto nella pesca subacquea per nuocermi come imprenditore e vengo al dunque: Voi che mi avete ammirato nei video, che mi conoscete come ingegnere, ma che non avete creduto opportuno acquistare: pinne , fucili (ed occhiali…), non abbiate rancore nello scoprire che siete stati esclusi, chiedevi piuttosto il perché delle vostre scelte sulle attrezzature per la pesca e capite il perché di questa mia gogna culturale.
Giodap
Giorgio Dapiran
Administrator
Messaggi: 9549
graph
Utente Offline Premere per visualizzare il Profilo di questo Utente
Ultima modifica: 03/11/2009 17:31 Da Giodap.


Funzione psicologica della caccia subacquea

Occupare il proprio tempo libero nel procurarsi il cibo riavvicina l’uomo alle occupazioni esistenziali primitive che hanno determinato lo sviluppo della sua psiche.
E’ un momento di ri-appropriazione delle funzioni esistenziali primarie, di superamento dell’alienazione che caratterizza le moderne popolazioni urbanizzate
L'Amministratore ha disattivato l'accesso in scrittura al pubblico.
 
Vai a inizio paginaPagina: 1
Moderatori: Giodap, Giospyren